Autore: Gianfranco

COOKIES GIGANTI CON SMARTIES

Baby ricette

COOKIES GIGANTI CON SMARTIES

Ingredienti per 12 coockies giganti:
300 g di farina 00
200 g di burro morbido
120 g di zucchero semolato
120 g di zucchero di canna
60 g di granella di nocciole
50 g di Smarties o altre caramelle colorate
1 uovo
1 pizzico di vaniglia
1 cucchiaino di lievito
Un pizzico di sale

Cosa serve:

1 ciotola grande
1 frusta
1 cucchiaio
12 stampini da tartelletta da 10 cm di diametro
1 Teglia da forno

Esecuzione:
In una grande ciotola versa lo zucchero di canna e quello bianco poi aggiungi il burro morbido a piccoli pezzi e mescola il tutto con una frusta fino ad ottenere un composto omogeneo, ora aggiungi l’uovo con la vaniglia e il pizzico di sale e continua a mescolare ancora un poco sempre con la frusta.
Versa ora la farina con il lievito e la granella di nocciole e mescola piano piano con un cucchiaio fino a quando la farina si è ben amalgamata con il resto degli ingredienti. Dividi il composto in parti uguali negli stampini, schiaccia l’impasto in modo da riempiere tutto lo stampo e poi decora i biscotti con gli Smarties, sistema gli stampini su di una teglia da forno e poi subito in forno a 180° per 15/18 minuti.
Una volta pronti falli raffreddare completamente e conservali in una scatola ben
chiusa.

cookie1

 

MUFFIN ALLO YOGURT CON STELLE FILANTI

Baby ricette

MUFFIN ALLO YOGURT CON STELLE FILANTI

Ingredienti per 12 muffin:
300 g di yogurt greco
250 g di farina
150 g di zucchero
100 g di latte
3 uova
2 cucchiaini di lievito
Un pizzico di sale
Codette colorate

Cosa serve:
1 ciotola
1 cucchiaio
12 stampini da muffin

Esecuzione:
Riunisci in una grande ciotola la farina, il lievito, lo zucchero e il pizzico di sale, mescola il tutto con un cucchiaio e forma al centro un grande cratere, come se fosse un vulcano.
Rompi al suo centro le uova e sbattile un poco in modo che l’albume si unisca con il tuorlo, ma fai attenzione ad non unire ancora la farina, ora aggiungi lo yogurt e il latte e inizia ad mescolare unendo anche la farina poco a poco. Continua a mescolare fino a quando tutti gli ingredienti si saranno ben amalgamati. Dividi il composto nei pirottini, decorali con le codette infine sistemali su di una teglia da forno e mettili in forno a 180° per 20/25 minuti. Se vuoi una volta che i muffin sono freddi puoi cospargerli con zucchero a velo.

IMG_1006

FRITTELLE AL FORNO CON MELE E CIOCCOLATO

Baby ricette

FRITTELLE AL FORNO CON MELE E CIOCCOLATO

Ingredienti: per 12 frittelle:
1 mela renetta
100 g di farina
80 g di latte
80 g di zucchero
1 uovo
2 cucchiai di gocce di cioccolata
½ cucchiaino di lievito per dolci
Zucchero di canna
Zucchero a velo

Cosa serve:
1 ciotola
1 frusta
1 cucchiaio
12 stampini da muffin

Esecuzione:
Preparare tutti gli ingredienti pesati sul tavolo di lavoro.
In una ciotola sbatti con una frusta l’uovo con lo zucchero, versa ora il latte e una volta amalgamato aggiungi la farina con il lievito e mescola bene con un cucchiaio fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. Fai sbucciare dalla mamma la mela, poi dividila in 8 fette, elimina il torsolo e infine
taglia ogni fetta in piccoli pezzi. Aggiungi la mela e le gocce di cioccolato all’impasto, mescola il tutto poi dividi il composto in 12 pirottini da muffin ben imburrati, in questo modo risulteranno delle frittelle perfette. Cospargi ogni frittella con un poco di zucchero di canna e poi subito in forno a 180°
per 18/20 minuti circa. Una volta pronte falle raffreddare completamente poi cospargile con abbondante
zucchero a velo.

IMG_1023

Scaldiamoci con le zuppe!

Storie in cucina

Scaldiamoci con le zuppe!

Eredità della tradizione contadina, minestre e zuppe sono una vera e propria risorsa in cucina perché possono essere cucinate con quasi ogni tipo di ingrediente. Sono infatti due piatti tipici della cucina povera, realizzati solitamente con gli avanzi della dispensa: verdure, legumi, formaggi, carne, pesce, pane: tutti questi ingredienti, combinati a molti altri, possono contribuire a creare tante diverse e appetitose minestre e zuppe.

Ecco le mie zuppe invernali preferite, gustosissime e perfette come piatto unico!

ZUPPA GRATINATA CON ORZO E VERDURE INVERNALI, ZUPPA DI LENTICCHIE CON ZUCCA E POLPETTE DI PANEZUPPA DI FARRO CON VERZA, PANCETTA E CASTAGNE, ZUPPA DI CICERCHIE CON POLPETTINE DI MAIALEZUPPA DI CECI E BORLOTTI CON RADICCHIO ROSSO E FUNGHI;

ZUPPA GRATINATA CON ORZO E VERDURE INVERNALI

Primi Ricette

ZUPPA GRATINATA CON ORZO E VERDURE INVERNALI

Ingredienti per 4 persone:
200 g di orzo perlato
200 g di catalogna
200 g sedano rapa
200 g di topinambur
1 porro
4 fette di pane
100 g di fontina valdostana
Brodo vegetale qb
Olio extra vergine d’oliva
Sale e pepe

Esecuzione:
Tagliare il porro a rondelle e farlo rosolare in un filo di olio, quando risulta morbido unire il sedano rapa a cubetti, i topinambur a tocchetti e la catalogna a julienne, farli bene insaporire nel fondo di cottura quindi unire l’orzo, sciacquato in precedenza, insaporire con una presa di sale e una macinata di pepe e coprire con il brodo caldo. Portare a bollore e cuocere fino a quando l’orzo risulta morbido, aggiungendo altro brodo se tende ad asciugarsi troppo. Prima di servire versare la zuppa in una pirofila, completare con le fette di pane, cospargere con la fontina a cubetti e fare gratinare sotto il grill per alcuni minuti.

IL CONSIGLIO DEL MAESTRO
Come tutte le zuppe, se preparata in anticipo ci guadagna in gusto, però tende ad asciugarsi parecchio, basterà aggiungere un poco di brodo al momento di farla gratinare. Se volete renderla ancora più golosa aggiungete qualche pezzetto di salsiccia sul crostone insieme alla fontina.

IMG_0091

IMG_0116

IMG_0103

ZUPPA DI LENTICCHIE CON ZUCCA E POLPETTE DI PANE

Primi Ricette

ZUPPA DI LENTICCHIE CON ZUCCA E POLPETTE DI PANE

Ingredienti per 4 persone:
400 g di zucca pulita
200 g di lenticchie secche
1 costa di sedano
1 cipolla piccola
1 rametto di rosmarino 2 foglie di salvia
Olio extravergine d’oliva
Sale, pepe
Per le polpette
100 g di pane grattugiato
80 g di grana grattugiato
2 o 3 uova
Pepe

Esecuzione:
Tritare la cipolla e il sedano finemente, poi farli rosolare in una casseruola con un filo di olio, unire quindi la zucca tagliata a tocchetti e farla ben insaporire per alcuni minuti nel fondo di cottura. Aggiungere le lenticchie il trito di erbe aromatiche, mescolare il tutto e coprire di acqua, cuocere a fuoco dolce, fino a quando le lenticchie risultano morbide, al termine sistemare di sapore. Nel frattempo in una ciotola mescolare il pane con il formaggio, le uova e una generosa macinata di pepe, formare delle piccole polpette, poi rosolarle in padella con olio fino a quando risultano ben dorate.
Servire la zuppa con le polpette e completare con un giro di olio.

IL CONSIGLIO DEL MAESTRO
La zucca va tagliata a grossi dadi in modo che a fine cottura sia ancora integra e non completamente sfatta, ricordatevi che anche se le lenticchie non hanno bisogno di ammollo vanno comunque risciacquate prima dell’uso e non utilizzate quelle rosse non adatte a questo tipo di preparazione.

IMG_0155

IMG_0176

IMG_0158

ZUPPA DI FARRO CON VERZA, PANCETTA E CASTAGNE

Primi Ricette

ZUPPA DI FARRO CON VERZA, PANCETTA E CASTAGNE

Ingredienti per 4 persone:
200 g farro decorticato
1/3 di verza di medie dimensioni
100 g di pancetta
100 g di castagne lessate
1 carota
1 costa di sedano
1 cipolla media
2 spicchi di aglio
Olio extra vergine d’oliva
Brodo vegetale circa 1,5L
Sale pepe
Grana grattugiato

Esecuzione:
Tritare finemente al coltello la pancetta e farla rosolare a fiamma dolce in una capiente casseruola, quando risulta ben rosolata aggiungere il trito di sedano, carote e la cipolla e gli spicchi di aglio, fare rosolare il tutto, quindi eliminare l’aglio e unire il farro, ammollato in precedenza per una ventina di minuti, fare bene insaporire per un paio di minuti quindi aggiungere la verza tagliata a julienne e una volta leggermente appassita, coprire con il brodo, sistemare di sapore e portare a cottura a leggero bollore.
Al termine unire le castagne, fare riposare la zuppa una decina di minuti prima servirla con un filo di olio a crudo, pepe e abbondante grana grattugiato.

IL CONSIGLIO DEL MAESTRO
Ricordatevi di eliminare la costa centrale dalle foglie di verza prima di tagliarle a julienne, se preparate la zuppa in anticipo, tenetene qualcuna da parte da aggiungere quando andrete a riscaldare la zuppa, daranno una nota croccante alla preparazione.

IMG_0074

IMG_0086

IMG_0071

ZUPPA DI CICERCHIE CON POLPETTINE DI MAIALE

Primi Ricette

ZUPPA DI CICERCHIE CON POLPETTINE DI MAIALE

Ingredienti per 4 persone
300 g di cicerchie secche messe a bagno per 12 ore
100 g di pancetta battuta
1 spicchio di aglio
Rosmarino, salvia
1 porro
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe

Per le polpette
300 g di carne di maiale macinata
1 salsiccia
Grana grattugiato
Sale pepe
Timo

Esecuzione:
Lessare le cicerchie in acqua a leggero bollore fino a quando risultano morbide circa 2 ore.
Nel frattempo fare un battuto con la pancetta, la salvia il rosmarino e lo spicchio di aglio e farlo rosolare in una casseruola a fuoco dolcissimo. Unire il porro, tagliato a rondelle, e farlo insaporire per alcuni minuti, quindi aggiungere le cicerchie lessate, coprire con brodo vegetale, sistemare di sapore e fare cuocere per una decina di minuti a leggero bollore. In una ciotola mescolare la carne macinata con la salsiccia sgranata, il grana, sale, pepe e un poco di prezzemolo tritato, impastare e formare delle piccole polpettine.
Unirle alla zuppa e cuocere sempre a leggero bollore per alcuni minuti.
Servire la zuppa con un filo di olio e una generosa macinata di pepe.

IL CONSIGLIO DEL MAESTRO
La cicerchia è un legume tipico del centro e sud d’Italia, quasi scomparso, ha la forma di piccoli sassolini, tanto che in passato molto spesso veniva utilizzata per creare la ghiaia nei presepi.
Per eliminare il principio amaro “latirina” , contenuto nelle cicerchie, indigesto all’uomo, va messa in ammollo in acqua tiepida con una presa di sale o un cucchiaio di bicarbonato per otto, dodici ore cambiando l’acqua due o tre volte. L’acqua di ammollo va eliminata. Dopo l’ammollo le cicerchie vanno messe in una pentola con acqua fredda e portate a cottura a leggero bollore eliminando le impurità che vengono a galla e
aggiungendo il sale quasi a fine cottura.

IMG_0066

IMG_0061

IMG_0056

ZUPPA DI CECI E BORLOTTI CON RADICCHIO ROSSO E FUNGHI

Primi Ricette

ZUPPA DI CECI E BORLOTTI CON RADICCHIO ROSSO E FUNGHI

Ingredienti per 6 persone:
200 g di borlotti lessati
200 g di ceci lessati
200 g di funghi pioppini
2 cespi di radicchio rosso trevigiano
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla
1 spicchio di aglio
Olio extra vergine d’oliva
Brodo vegetale circa 1 L
Sale pepe

Esecuzione:
Rosolare in pochissimo olio, la cipolla con il sedano e la carota tritati, per alcuni minuti poi aggiungere i ceci e i fagioli, farli ben insaporire nel trito mescolando con un cucchiaio per un paio di minuti, infine salare e pepare. Bagnare con il brodo e cuocere a leggero bollore per una ventina di minuti, al termine prelevare un terzo del composto e passarlo al mixer fino ad ottenere una crema, poi versarla nuovamente nella casseruola della zuppa e mantenere al caldo. A parte rosolare lo spicchio di aglio in un filo di olio, unire i funghi e portarli a cottura a fiamma vivace, mescolandoli con un cucchiaio, a cottura quasi ultimata unire un radicchio tagliato a julienne, sistemare di sapore e cuocere ancora per un minuto, sempre a fiamma vivace.
Unire il composto di radicchio alla zuppa, amalgamare bene, quindi servire con il secondo radicchio tagliato finemente, un giro di olio a crudo, una macinata di pepe e volendo una spolverata di grana grattugiato.

IL CONSIGLIO DEL MAESTRO
Se partite da legumi secchi ricordatevi di metterli a bagno almeno per 8/12 ore con il doppio dell’acqua rispetto al loro peso, di risciacquarli molto bene prima di lessarli partendo da acqua fredda, se aggiungete erbe aromatiche avvolgetele in una garza, in modo da poterle eliminare facilmente.
Schiumateli all’inizio con una schiumarola e cuoceteli a leggero bollore, aggiungendo il sale solo a cottura quasi ultimata. Se lessate più legumi rispetto a quelli richiesti in ricetta, potete conservarli comodamente nel congelatore, ben scolatoi dall’acqua di cottura.

IMG_0120

IMG_0134

IMG_0118

Broccoli e cavoli, fiori d’inverno

Storie in cucina

Broccoli e cavoli, fiori d’inverno

Cavoli e Broccoli fanno parte delle cosiddette Brassicaceae, una famiglia di piante erbacee perenni o annuali distribuite in tutti i climi e, quindi, in quasi tutti i continenti. Questa famiglia comprende circa 200 generi e oltre duemila specie; molte Crucifere sono però considerate piante infestanti, quindi solo una minoranza viene coltivata per scopi alimentari.
Nelle preparazioni culinarie, in alcune specie viene adoperata l’infiorescenza immatura (ad esempio nei Cavolfiori, nei Broccoli e nelle Cime di rapa); in altre si utilizzano le foglie che ricoprono la gemma (come nel Cavolo cappuccio, nel Cavolo verza e nei cavoletti di Bruxelles); in altre ancora viene utilizzato il fusto (Cavoli rapa).

Dal punto di vista nutrizionale, questi ortaggi sono considerati ottimi alimenti in quanto ricchi di sali minerali (soprattutto calcio, fosforo, ferro, sodio, potassio, magnesio, cloro, fluoro e zinco), di vitamine (C, B1, B2, PP, K e provitamina A), poverissimi di lipidi e moderatamente poveri di proteine e di glucidi, tanto da renderli adatti all’alimentazione dei diabetici. Ovviamente sono ricchissimi di acqua.

Verdura di stagione dal sapore inconfondibile, ve la propongo in gustosissime ricette veg e non, da provare subito: POLPETTE CON BROCCOLO, COUS COUS AL FARRO E PECORINO, INSALATA CON CAVOLINI DI BRUXELLES, ZUCCA, CASTAGNE E PROFUMO D’ ARANCIASTRUDEL CON CAVOLFIORE, OLIVE E PESCE SPADAINSALATA DI BROCCOLI E CAVOLFIORE CON SALSA AI PINOLI E SPECK CROCCANTE e BROCCOLI GRATINATI IN CROSTA DI PANE E SALSICCIA.